CRDM


Centro Ricerca Divulgazione Musicale (in breve CRDM) è un’Associazione Culturale senza scopo di lucro dedicata per statuto ad attività di studio, ricerca, divulgazione e diffusione della cultura musicale realizzabile attraverso manifestazioni, produzioni musicali, convegni, seminari, attività editoriale, attività didattica formativa diretta ed indiretta, produzioni multimediali d’alta qualità in audio e video, commercializzazione di materiale didattico e, comunque, attraverso qualsivoglia mezzo reputato idoneo a perseguire gli scopi statutari.

Il Centro Ricerca Divulgazione Musicale, fondato nell’ottobre 1976, è stato ideato e voluto principalmente per fornire, in un periodo storico carente di informazione musicale artistica diretta ed indiretta, un punto di riferimento per le nuove generazioni di giovani musicisti e studenti.

Tra i fondatori, e sin dall’inizio alla guida del sodalizio, vi è il prof. Ugo Cividino, che all’epoca della fondazione era reduce da una decennale permanenza a Vienna, cuore della cultura e storia musicale per eccellenza del mondo intero, dove da sempre si avvicendavano i personaggi che hanno segnato indelebilmente l’evoluzione dell’arte musicale. Parallelamente il prof. Cividino era già anche docente in ruolo dell’allora “Civico Liceo Musicale Pareggiato Jacopo Tomadini” di Udine, Istituzione che lo aveva diplomato a pieni voti e lode ancora diciasettenne nel 1964. Nel rapporto costante con i propri allievi, i racconti di vita musicale viennese miravano a trasportare una minima parte di tutte quelle esperienze accumulate in territorio austriaco nelle giovani menti che si affacciavano alla vita musicale della propria regione. Lo stimolo a condividere in qualche modo questo mondo affascinante dell’arte ha portato alla fondazione del Centro Ricerca Divulgazione Musicale, primo sodalizio musicale non profit  di Udine a fianco della storica e consolidata Associazione degli Amici della Musica diretta all’epoca dall’illustre docente e violista del Civico Liceo Musicale, m° Vittorio Fael.

Collaboratore e soprattutto amico per eccellenza che sin dalla fondazione del CRDM ha assunto il ruolo di direttore artistico è il m° Daniele Zanettovich, compositore di chiara fama, che insieme a Cividino ha varato da subito l’ambizioso progetto del “Festival di Musica Contemporanea Città di Udine”, un’iniziativa a dir poco avanguardistica in un contesto, quale quello friulano, ancora molto acerbo, e non solo di musica nuova.
Da allora, con iniziative sempre più rivolte al giovane pubblico, il CRDM ha cercato di favorire innanzitutto gli scambi musicali tra diverse istituzioni guardando anche al di là delle vicine frontiere regionali e nazionali collegando il Friuli anche alla Slovenia ed alla Carinzia. Va sottolineato che parliamo di anni (1977) ancora lontani dall’ideale di europeismo di cui oggi godiamo gli effetti. Le frontiere erano ancora tali e le distanze erano soprattutto psicologiche.
La collaborazione e le affinità d’ideali corrisposti dall’Accademia za glasbo di Ljubljana e dal Landeskonservatorium di Klagenfurt hanno permesso di internazionalizzare il Festival di musica contenporanea Città di Udine dando vita a sinergie di egregio livello didattico ed artistico.

Nel frattempo il CRDM si occupava anche di scambi e collaborazioni tra Istituzioni Musicali in genere favorendo la concomitante presenza in concerto di gruppi cameristici o orchestre di varia provenienza. L’idea della reciproca conoscenza e del sereno confronto ha gettato le basi per amicizie e collaborazioni artistiche che resistono tutt’oggi.
Negli anni ottanta il prof. Cividino, attento alle problematiche della pedagogia musicale non esclusivamente legata al proprio strumento elettivo, il pianoforte, ha iniziato una collaborazione con l’Association Internationale d’Education Musicale Willems di Lyon, instaurando uno stretto rapporto di collaborazione con il presidente di codesto sodalizio, il prof. Jacques Chapuis, già collaboratore e braccio destro del famoso pedagogo belga, Edgar Willems.

Questa nuova prospettiva di collaborazione è sfociata nella nascita di alcuni centri di formazione alla metodologia per l’educazione musicale e strumentale secondo l’ideale pedagogico willemsiano. Il CRDM è stato investito della responsabilità della divulgazione e della salvaguardia della metodologia per l’Italia, l’Austria e la Slovenia. La programmazione, quindi, delle attività del Centro hanno iniziato a diversificarsi rinsaldando proprio quegli itinerari fortemente presenti negli scopi statiutari: il sostegno alle giovani generazioni nella crescita della consapevolezza e della pratica musicale artistica.
A tutt’oggi sono operativi tre centri di formazione specialistica alla metodologia willemsiana: Majano (UD), Novara (VA) e Ljubljana (SLO) nonché diversi centri di divulgazione e sensibilizzazione diretta.

A fiancheggiare le attività formative sono stati potenziati alcuni appuntamenti annuali ormai divenuti un punto di riferimento accattivante per la socializzazione musicale: i corsi di musica da camera e di musica d’insieme di Majano che vanno sotto il titolo di MUSICAGIOVANI. Questi corsi sono aperti a giovani musicisti di età compresa tra i dieci ed i trent’anni, provenienti dalle realtà didattiche più diverse, affidati alle cure di un manipolo scelto di docenti di grande esperienza cameristica, capaci di catalizzare la partecipazione dei giovani e in breve tempo fornire loro gli elementi più importanti necessari per fare musica insieme. Così, nel giro di dodici giorni vengono assemblati nuovi gruppi di musica d’insieme molto eterogenei per i quali è a disposizione una vasta biblioteca  musicale, tutti partecipano alle attività corali e una parte dei partecipanti anche all’orchestra d’archi junior e al grande ensemble orchestrale guidato dal generoso e stimatissimo m° Giuliano Medeossi, capace di raccogliere e scatenare letteralmente l’entusiasmo musicale dei ragazzi a lui affidati. La particolarità dei corsi è anche dovuta alla presenza del m° Valter Poles, compositore e arrangiatore formidabile, che, nel retro palco, elabora in tempo reale le parti del grande ensemble adeguandone le “difficoltà” a misura del singolo esecutore. Questa “presenza” un po’ nascosta con il suo lavoro discreto ed efficace ha da sempre permesso di ottenere risultati di notevole impatto artistico e soprattutto didattico.

Da qualche anno, inoltre, e precisamente dal 2003, è nato anche PENTAGRAMMA PER 5, naturalmente un gioco di parole che vuol indicare le classiche cinque parti delle “voci” orchestrali, nato come desiderio di offrire la compresenza in un breve lasso di tempo di quattro giorni di gruppi orchestrali giovanili perlopiù provenienti dalle istituzioni musicali pubbliche e private italiane, divenendo dal 2007 “Concorso Internazionale di Musica da Camera Alpe Adria” con il sottotitolo di “Cameristi dell’Alpe Adria” dedicato appunto alla partecipazione di gruppi da camera in formazione dal trio all’ottetto provenienti dalle Istituzioni pubbliche o private di Austria, Croazia, Italia, Slovenia e Ungheria; Paesi aderenti alla Comunità di Lavoro Alpe Adria.

 

 

Curriculum del presidente Prof. Ugo CIVIDINO

UGO CIVIDINO - Artistic Biography

Born in Udine in 1947, Ugo Cividino graduated with honours in piano from Udine’s Istituto Musicale Pareggiato “J. Tomadini”, as it was then known, and went to Vienna to attend the Akademie für Musik und Darstellende Kunst which later became Hochschule für Musik und Darstellende Kunst. During the ten years spent in the Austrian capital he attended courses to perfect his piano skills with Professor Walter Panhofer, a famous member of the Vienna Octet, as well as courses on chamber camera, electronic music and sound techniques in addition to several semesters of orchestra direction with Hans Swarowsky. He has been giving solo performances since 1967 in Austria, Germany and Italy, which he has progressively chosen to focus on chamber music. The most intense period in this new phase of his artistic development began in 1972 with his predilection for trios, quartets and in particular quintets involving string instruments,  enabling him to collaborate with musicians in various countries including Austria, Germany, Luxembourg, Sweden, Poland, Iran and Japan. 

In 1980 he began concentrating on piano duos (with two pianos) with his wife, Franca Bertoli. In this context he was a guest artist at numerous international festivals, concerts and cultural organisations throughout Europe including: the piano festival “la Roque d’Anteron” in Wimbledon (London), Conservatoire Superieure de Musique in  in Lyon, the Zagabria Music Festival, the Music Academy in Oslo, the Salamanca Conservatory, the Hoschschulen in Graz, Salzburg and Vienna, ORF (Radio Austria) in a live concert for two pianos, Radio TV Croatia (two concerts retransmitted in their entirety at a distance of a few hours as well as a concert on TV). Also as a piano duo he has made a CD in Hanover of selections by Martinu, Brahms and J Françaix and is in the course of preparing a new CD for two pianos with music by Saint-Sa─Śns, Grieg and Brahms. He is actively involved in teaching and coaching chamber music students in Austria, France, Spain, Croatia, Portugal and Italy.

In addition to the Udine Conservatory where he has been teaching since 1969, in 1976 he founded and remains the director of the “Centro Ricerca Divulgazione Musicale” in Udine, which is a non profit group created, according to its statutes, to further the artistic skills of young musicians by giving them opportunities for exchanges and to attend seminars given by world famous teachers. Since 1987 he has been responsible for the expansion and safeguarding of the principles of the Willems method of musical education in Italy, an international mandate he received from the Willems International Association of Musical Education in Lyon, of which he is the Vice President. He gives courses on psychoeducation and the propaedeutics of the teaching of music at various foreign universities and conservatries in Italy. As a teacher, is also responsible for many courses on teaching music and advanced piano skills at the Eisenstadt Conservatory (Austria) and the Glasbena Sola in Lubiana (SLO).

In 2004 as a result of a project to educate young school children in the language of music, he received a silver medal from the President of the Italian Republic, C A Ciampi.

Ugo maintains close artistic contacts with many artists and professors at European institutes including the Madrid and Oslo Music Academies, Hoschshule in Hannover, Aachen, Karlsruhe, Salzburg, Graz, Linz, Vienna, the Conservatories of Salamanca, Versailles, Paris, Lyon, Prague, Lubiana and Zabreg and the College of Music in London. He has been a speaker at many international conferences on the teaching of music held at various universities (Bicocca – Milan). Since 1988 he has been a member of ISME of London (International Society of Music Education) and took part in the foundation of the Austrian and Norwegian sections of the EPTA (European Piano Teachers Association) with his own artistic contributions.  In Oslo he presented Gradus ad Panassum by M.Clementi playing wholly and in part 34 pieces.) Making use of his linguistic skills, he has translated numerous treatises and articles about music from French and German.  He edits the works of the Swiss publisher Pro Musica for Italy. He has composed several pieces of chamber music and has published technical papers on musical research.

Ugo has been a member of Lions Club International since 1982.

Summary

Nationality:  Italian

Foreign languages:  French, German

Specialised Piano Repertory: neoclassical Viennese, pre-romanticism and romanticism

Chamber music focusing on the Piano

Piano duos (two hands and four hands)

Psychology of education and propaedeutics in the context of the teaching of music

Musical Education

Preparation of Teachers of Musical Education

Publication of Music

Graphics in the Publication of Music

Translations from French and German

Sound Technician

 

UGO CIVIDINO – curriculum artistico

Nato a Udine nel 1947, diplomato diciassettenne con la lode in pianoforte nell’allora Istituto Musicale Pareggiato “J. Tomadini” di Udine, nel 1965 si è trasferito a Vienna per frequentarvi la Akademie für Musik und Darstellende Kunst  più tardi divenuta Hochschule für Musik und Darstellende Kunst. Nella decennale permanenza nella capitale austriaca ha potuto frequentare i corsi di perfezionamento pianistico del prof. Walter Panhofer, famoso membro dell’Ottetto di Vienna, i corsi di musica da camera, di musica elettronica e tecnica del suono e alcuni semestri di direzione d’orchestra con Hans Swarowsky.

Fin dal 1967 ha intrapreso un’articolata attività solistica in Austria, Germania e Italia, attività che progressivamente è elettivamente migrata verso la musica da camera. Il periodo più intenso per questa nuova fase artistica è iniziato nel 1972; la predilezione per il trio, quartetto ed in particolare per il quintetto con strumenti ad arco lo ha portato a collaborare con musicisti di diverse nazioni, tra cui: Austria, Germania, Lussemburgo, Svezia, Polonia, Iran, Giappone. Dal 1980 ha stabilmente intrapreso l’attività di duo pianistico (a due pianoforti in particolare) con la moglie Franca Bertoli. In questa formazione è stato ospite di numerosi Festival Internazionali e Organizzazioni Concertistiche e Culturali d’Europa tra cui: il Festival pianistico de “La Roque d’Anteron”, di Wimbledon, di Lyon, dell’”Accademia di Musica di Zagabria”, dell’Accademia di Musica di Oslo, del Conservatorio di Salamanca, delle Hochschulen di Graz, Salisburgo e Vienna, dell’ORF (Radio Austria) con un concerto a due pianoforti in diretta radiofonica, della Radiotelevisione Croazia (con due concerti integralmente ritrasmessi a distanza di poche ore ed un concerto televisivo). Sempre in duo pianistico ha realizzato ad Hannover un CD di musiche di Martinu, Brahms e J.Françaix. È costantemente presente in corsi di formazione strumentale e in corsi di perfezionamento cameristico in Austria, Francia, Spagna, Croazia, Portogallo e Italia.

Al di fuori del Conservatorio di Udine dove insegna dal 1969, nel 1976 ha fondato e a tutt’oggi presiede il Centro Ricerca Divulgazione Musicale di Udine, sodalizio senza scopi di lucro che statutariamente è nato e opera per sostenere artisticamente i giovani musicisti offrendo occasioni di scambio e di attività seminariali con docenti di fama europea. Dal 1987 è responsabile della divulgazione e della salvaguardia dei contenuti della metodologia per l’educazione musicale Willems in Italia per mandato internazionale dell’Association Internationale d’Education Musicale Willems di Lyon di cui è vicepresidente. Tiene corsi di psicopedagogia e di propedeutica dell’insegnamento strumentale presso istituzioni universitarie straniere e presso diversi conservatori italiani. Quale didatta è regolarmente titolare di corsi di propedeutica e di didattica pianistica avanzata presso il Conservatorio di Eisenstadt (Austria) e presso la Glasbena Sola di Lubiana (SLO).

Nel 2004, il progetto per l’educazione al linguaggio musicale di base a favore dei bambini delle Scuole dell’Infanzia e delle Scuola Primarie gli è valsa la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica Italiana C.A.Ciampi.

Intrattiene numerosi contatti artistici e didattici con istituzioni musicali europee tra cui: Accademia di Madrid, Accademia di Oslo, Hochschule di Hannover, Aachen, Karlsruhe, Salzburg, Graz, Vienna, Conservatorio di Salamanca, Versailles, Parigi e Lyon, Praga, Lubiana, Zagreb, College of Music of London. È relatore nell’ambito di convegni internazionali sulla formazione musicale presso alcune sedi universitarie (Bicocca – Milano). Dal 1988 è membro diretto dell’ISME di Londra (International Society of Music Education), ha partecipato alla fondazione delle sezioni EPTA (European Piano Teachers Association) di Austria e Norvegia con propri contributi artistici (a Oslo ha presentato il Gradus ad Parnassum di M. Clementi eseguendone parzialmente e integralmente ben 34 brani).

Usufruendo delle proprie conoscenze linguistiche ha tradotto numerosi trattati e saggi musicali dal francese e dal tedesco. Cura le edizioni in Italia per conto della casa editrice svizzera Pro Musica. È autore di alcuni brani di musica da camera, ha pubblicato diversi lavori teorici di ricerca musicale.

Dal 1982 è membro attivo del Lions Club International.

 

Competenze:

Lingue straniere – francese e tedesco

Repertorio pianistico specialistico: neoclassicismo viennese, preromanticismo e romanticismo

Musica da camera con pianoforte

Duo pianistico (a 2 pianoforti e a 4 mani)

Psicopedagogia e psicoacustica nell’ambito della formazione musicale

Didattica strumentale

Formatore dei quadri didattici per l’educazione musicale precoce e la propedeutica strumentale

Editoria musicale

Grafica nell’editoria musicale

Traduzioni dal francese e dal tedesco

Tecnica del suono.